a cosa serve il solfeggio nel canto

solfeggioa cosa serve il solfeggio nel canto? questa è una domanda che mi viene fatta spesso nelle mie lezioni di canto, spero, con queste poche righe, di potervi aiutare a capire un pò meglio l’importanza di questa materia.

Il solfeggio, innanzi tutto cos’è?

il solfeggio è un esercizio che consiste nella lettura di un pezzo musicale da uno spartito, ma anziché suonarlo su uno strumento musicale (come un pianoforte o una chitarra) viene rappresentato mediante dei movimenti ritmici delle mani e contemporaneamente con la lettura ad alta voce delle note.

Il solfeggio si divide in:

Semplice: lettura di una sola linea pentagrammata in una qualsiasi delle chiavi utilizzabili;

Endecalineo: lettura pianistica, cioè due pentagrammi sovrapposti rispettivamente in chiave di violino ed in chiave di basso;

Setticlavio: lettura di tutte e sette le chiavi del sistema musicale.

Ritmico: privo di note, consiste nella lettura di pattern ritmici.

CANTATO: dove si vanno a cantare le note durante il solfeggio.

Spiegato questo rispondo subito alla domanda: “è importante il solfeggio nel canto?” Assolutamente si, il cantante non è una razza a parte, è un musicista innanzitutto, quindi è fondamentale conoscere la musica. Quando si pensa al canto, si pensa subito al solista che canta un brano e stop, pensate invece ai coristi, soprattutto a chi fa musica a cappella, agli insegnanti di canto, a chi canta in un gruppo ecc…

Per un cantante è importante sapere leggere uno spartito, per non ritrovarsi sempre a chiedere a qualcun altro di aiutarlo a preparare un brano, è importante riconoscere la tonalità e sapere se le note di quella canzone fanno parte del proprio range vocale per non ritrovarsi a cantare note troppo basse o troppo acute, suggerendo così ai musicisti della band una tonalità migliore per la propria voce. Ho sentito molte volte, dire che il solfeggio è la cosa più noiosa che esista, beh dipende ovviamente da come te lo insegnano e da quanta voglia hai di crescere, come in tutte le discipline non si può fare solo la pratica, una buona teoria è alla base di tutto. Un consiglio? oltre al solfeggio affrontate anche tutto ciò che riguarda l’armonia complementare.

…Nereide

Se vuoi dire la tua, fallo inserendo un commento. Ciao!

Precedente laboratorio di canto corale Successivo concerto dedicato a Giuseppe Verdi

Lascia un commento

*