Cosa significa imparare a cantare?

cosa significa imparare a cantareCosa significa imparare a cantare?

Quante volte ci siamo detti: “mi piacerebbe imparare a cantare”… ma ci siamo mai chiesti invece: “Mi piacerebbe cantare…ma cosa significa IMPARARE?”
La voce è una strumento musicale, come il pianoforte, la chitarra, il violino ecc, quindi si basa sugli stessi principi del suono, cioè la vibrazione di un qualsiasi corpo sonoro, che sia la corda di una chitarra, o di un violino, o la pelle di un tamburo. Vibrazione quindi  delle corde vocali nel nostro caso, che avviene attraverso l’aria emessa dai polmoni. La differenza che c’è però con gli altri strumenti è che la voce si trova dentro al nostro corpo. Per questo motivo non possiamo né vederla, né toccarla, né dominarla con le mani come si può fare con un qualsiasi altro strumento.

 

Imparare a cantare significa quindi STUDIARE il nostro strumento (corpo e mente) fino ad arrivare a conoscerne tutti i meccanismi che generano la voce, significa conoscere noi stessi, conoscere il nostro IO più profondo, le nostre paure e le nostre emozioni perché il nostro suono è la nostra anima, la nostra vita.

Cosa fare quindi per iniziare?

Imparare a cantare, non è poi così difficile. Tutti abbiamo iniziato cantando qualche semplice canzone qua e là, poi però ci siamo resi conto delle difficoltà di cantare una canzone più impegnativa, ed è qui che qualcuno si è reso conto di prendere qualche lezione di canto (vedi anche “come riconoscere un buon insegnante di canto” )

Il consiglio che dò è di non fermarsi solo ad alcuni video su youtube, o qualche lezione sporadica da un amico, o addirittura per sentito dire, quando si vuole intraprendere un percorso vocale, è importante soprattutto non essere superficiali, sapere che, se pur semplice, è un percorso impegnativo, oltre la tecnica vocale (fondamentale ovviamente), è importante rendere la lezione più attiva possibile,  fare domande all’insegnante relative al canto, alla teoria, alla storia musicale, mettersi in gioco, seguire altri seminari musicali e vocali, scoprirsi, ricercare, approfondire i brani da studiare. Non accontentarsi di fare un paio di vocalizzi a caso e cantare un brano per un anno intero (purtroppo ci sono anche tanti  insegnanti senza particolare competenza che danneggiano le voci invece di migliorarle), impara la teoria e il solfeggio, ti aiuteranno ad affrontare meglio un brano, e ricordati che sei all’inizio e che sbagliare non è poi così catastrofico, è dall’errore che si impara.

Se il tuo primo insegnate non ti soddisfa, cambialo senza problemi, altrimenti perderai solo tanto tempo e denaro, un buon insegnante deve aiutarti a crescere e a tirare fuori la tua personalità artistica, se pensi che non ti stia aiutando, cambia maestro.

Per concludere, non si nasce cantanti (anche se tanti pensano che sia solo un dono della natura), diventare un bravo cantante (che non significa solo professionista) richiede impegno, dedizione e costanza, il canto ti aiuterà a scoprire tante cose di te che fin’ora hai tenuto un pò nascoste, e soprattutto: abbi rispetto per questo strumento che è uno dei più belli che esista.

…Nereide

Lascia un commento

*