Come riconoscere un buon insegnante di canto?

insegnante cattivo Come riconoscere un buon insegnante di canto? Il buon insegnante è quello che non sta al di sopra dell’allievo, ma lo accompagna e lo aiuta, con la sua esperienza, a conoscere percorsi, sacrifici, meccanismi, all’allievo sconosciuti, dando tutto se stesso, e non limitandosi solo alla tecnica, che comunque è importante e fondamentale, ma insegnare all’allievo l’amore per l’arte (cosa oggi ormai rara da trovare). Un buon insegnante è quello che sa soprattutto ascoltare e capire, riconoscendo a sua volta che sta imparando. Insegnargli l’importanza delle regole ma anche la loro violazione, (il bello dell’infrangere una regola, solo dopo averla conosciuta però), un buon insegnante deve avere un metodo di studio che sia adatto ad ogni persona, visto che ogni individuo è un mondo a sé, con una psicologia, una forma mentale e un corpo diversi dagl’altri. Non esiste quindi un metodo assoluto, accettato universalmente. Un bravo insegnante deve far comprendere all’allievo che di ogni scuola deve prendere ciò che ritiene più adatto a sé. Deve essere in grado di capire in che modo l’allievo ottenga quel suono, deve insegnargli a respirare correttamente, e deve fornirgli i giusti mezzi per riuscire a sviluppare la propria voce e cercare di progredire anche fuori la lezione. Deve guidarlo all’ascolto di vari generi musicali, e non solo di cantanti, ma anche musica strumentale, da film, orchestrale, o strumenti solisti e subirne le influenze. Deve insegnargli l’importanza della postura (visto che è anche il nostro corpo che canta). Deve insegnargli ad essere critico di stesso, in modo tale da progredire sia nella tecnica che nel canto. Deve far osare l’allievo, sperimentare, giocare, ricercare con la propria voce, stando però attento a non esagerare, riportandolo nella giusta strada, visto che il nostro strumento a differenza degli altri è il più delicato. Oggi purtroppo si vedono molti insegnanti di pianoforte o ti chitarra o di altri strumenti che si assumo la responsabilità di insegnare canto, solo per profitto personale, che non hanno la capacità, la competenza e il rispetto verso l’allievo e la musica, tralasciando il significato più vero del cantare, creando così problemi fisici ed emotivi agli allievi.

Secondo voi invece, come dovrebbe essere un insegnante? Fatemi sapere.

INSEGNARE AAA

 

 

 

Precedente SUONO O RESPIRO? Io dico SUONO NEL RESPIRO Successivo Il vocalizzo

Lascia un commento

*